Le donne tra vita, salute e sicurezza sul lavoro

In occasione della prossima “festa della donna”, l’8 marzo 2016, si terrà un convegno gratuito a Milano per affrontare gli aspetti relativi alla tutela della salute e sicurezza dell’altra metà del mondo del lavoro, le lavoratrici.

0
742
mimosa

In occasione della “festa della donna”, l’8 marzo, un convegno a Milano affronterà gli aspetti relativi alla tutela della salute e sicurezza dell’altra metà del mondo del lavoro, le lavoratrici.
Molte ricerche pubblicate in questi anni mostrano come le donne lavoratrici siano esposte in proporzioni superiori, rispetto ai colleghi maschi, a vari rischi e fattori ergonomici e psicosociali. Ed è ormai provato che uomini e donne possono rispondere diversamente ad una stessa esposizione a rischio e che la diversità di ruoli sociali e carichi, ad esempio con riferimento alla gestione della casa e dei figli, può influire sulle conseguenze dei rischi lavorativi.

Malgrado la maggiore attenzione riservata alla valutazione delle differenze di genere da parte del Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro (D.Lgs. 81/2008), nel nostro paese sono tuttavia ancora molti i passi da fare per migliorare la tutela delle lavoratrici. Lavoratrici che rappresentano in Italia, secondo alcuni dati dell’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, più del 40% degli occupati.

Proprio per aumentare l’attenzione verso questa “altra metà” del mondo del lavoro, il Comitato Donne “SOFiA” dell’Associazione Italiana Formatori ed Operatori della Sicurezza sul Lavoro (AiFOS) organizza in occasione della prossima “giornata internazionale della donna”, l’8 marzo 2016, un convegno a Milano dal titolo “L’altra metà del lavoro. Donne tra vita, salute e sicurezza”.

Il convegno rappresenta la prima uscita ufficiale del rinnovato Comitato Donne AiFOS e ha ottenuto il patrocinio della Fondazione Bellisario, una Fondazione impegnata, su tutto il territorio nazionale, nella valorizzazione delle professionalità femminili che operano nel pubblico e nel privato e nella promozione di una cultura di genere attenta alla parità in un dialogo aperto alle diverse istanze della nostra società.

Il programma del convegno:
Moderatore: dott.ssa. Paola Favarano, Presidente Comitato donne AiFOS-SOFiA

Interventi
– Dott.ssa Maria Giovannone, Direttore Scientifico ANMIL Sicurezza
– Dott.ssa Francesca Filippini, Psicologa del Lavoro e delle Organizzazioni
– Dott.ssa Fabiana Palù, Esperta di WorkLife Balance
– Dott.ssa Luisa Cozzi, Esperta di salute e benessere
– Prof. Rocco Vitale, Presidente AiFOS

Dibattito e Tavola Rotonda con Conclusioni

Per rendere ancora più vivace l’evento, la Fondazione Milano – Scuole Civiche di Milano, un Ente partecipato del Comune di Milano, presenterà performance culturali, musicali ed artistiche.

Ricordiamo che il Comitato Donne AiFOS, presieduto dalla dott.ssa Paola Favarano, è un progetto nato all’interno dell’associazione AiFOS per promuovere un focus specifico e femminile sulle tematiche di sicurezza nei luoghi di vita e di lavoro e sul lavoro delle donne all’interno di aziende, fabbriche, enti e case.

Oltre all’attività di promozione, le attività del Comitato comprendono anche:
– incontri di formazione e aggiornamento professionale gratuiti e/o scontati, in aula o in video conferenza;
– realizzazione di incontri e convegni in un’ottica di genere, secondo un approccio pragmatico e olistico, finalizzato a rafforzare la ricerca di modalità di trattazione differenziate rispetto alle problematiche delle donne lavoratrici, in qualunque contesto produttivo o professionale si trovino ad operare;
– ricerca di bandi, finanziamenti e concorsi in ambito nazionale e comunitario per la realizzazione di progetti di cooperazione allo sviluppo attraverso il ricorso a fondi pubblici;
– pubblicazione di articoli sul tema delle differenze di genere e della tutela necessaria in materia di salute e sicurezza.

Segnaliamo inoltre che in Italia è lo stesso D.Lgs. 81/2008 a proporsi l’obiettivo (art. 1 – Finalità) di garantire “l’uniformità della tutela delle lavoratrici e dei lavoratori sul territorio nazionale attraverso il rispetto dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali, anche con riguardo alle differenze di genere, di età e alla condizione delle lavoratrici e dei lavoratori immigrati. Ed infatti la valutazione dei rischi (art. 28) in ogni azienda deve tenere conto anche delle differenze di genere.

Proprio per sottolineare come gli obiettivi della normativa e proporre idonei percorsi di gestione dei rischi, si tiene l’8 marzo 2016 il convegno “L’altra metà del lavoro. Donne tra vita, salute e sicurezza”.

Il convegno si terrà a Milano, dalle ore 14.30 alle ore 17.30, presso il Centro Congressi “Le stelline” in corso Magenta 61.

Questo è il link per il programma e l’iscrizione all’evento: http://aifos.org/section/eventi/eventi_interno/convegni_aifos/l_altra_meta_del_lavoro

Ai partecipanti verrà consegnata una copia del Quaderno della Sicurezza AiFOS n°1 del 2016, dedicato interamente alla tematica della salute e sicurezza nell’ottica del genere femminile oltre all’Attestato di presenza, valido per il rilascio di n. 2 crediti di aggiornamento formatori della sicurezza 3^ area tematica (comunicazione).

Si ricorda che il convegno è gratuito, ma con iscrizione obbligatoria.

VIAComunicati Stampa
SHARE
Previous articleL’Internet delle cose e dei sistemi cyber-fisici
Next articleCarta Nicky: nuova digital identity per il brand Sofidel
Francesca Granatiero nasce a San Giovanni Rotondo, classe 1988. Frequenta il Liceo Scientifico a Manfredonia per poi intraprendere, conseguito il diploma, la facoltà di Ingegneria Gestionale presso il Politecnico di Bari. Iscrittasi al corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale presso lo stesso Politecnico di Bari consegue il titolo di Esperto in sistemi (SGA) per la gestione delle PMI. Diventa referente e scrittrice per la rivista Close-up Engineering nel settembre 2014 ad oggi. Consegue la laurea in Ingegneria Gestionale Magistrale nel dicembre 2015. Pur avendo un’impronta scientifica e assorta nell’ affascinante mondo dell’ingegneria, è molto appassionata di letteratura classica. D’indole “sognatrice” nel tempo libero ama leggere e viaggiare.

LEAVE A REPLY